Positano On-line - Informazioni - Itinerari turistici

Positano - Itinerari turistici esterni


Itinerari tra paesi della Costa d'Amalfi
:

Tra Positano ed Amalfi

Lungo il tragitto tra Positano ed Amalfi è possiblie visitare l'Ecomuseo del Fiordo del comune di Furore e la famosissima Grotta dello Smeraldo nel comune di Conca dei Marini.

Amalfi

La più antica delle "Repubbliche Marinare" Amalfi è anche patria della carta. L'importanza storica della città è espressa dalla magnificenza del Duomo, dal Chiostro del Paradiso, e dal Museo annesso. Interessante anche la visita al Museo della Carta ed al Museo Civico.

Ravello e Scala

Ravello è insieme a Positano ed Amalfi uno dei centri più noti della Costiera Amalfitana. Posta in alto rispetto agli altri comuni della costa dona al turista incantevoli panorami ed un clima estivo più mite. Ma Ravello è famosa anche per ospitare il Centro Universitario Europeo per i Beni Culturali nella Villa Rufolo una delle più belle ville della costa, da visitare assieme al suo Antiquarium. Molto interessante anche la visita al Duomo ed al suo Museo.
Posto di fronte a Ravello è il Comune di Scala il più antico paese della costiera. A Scala oltre alla visita al Duomo ed al Palazzo Vescovile è possibile fare una escursione nella riserva naturale della "Valle delle Ferriere.

Minori

Interessante la visita alla "Villa Marittima" di epoca romana ed il suo Antiquarium.

Vietri sul Mare

La città di Vietri è la patria della ceramica con produzione di qualità artistica riconosciuta ed apprezzata in tutto il mondo. Questa produzione è talmente radicata nella storia e cultura della città da dare vita al Museo della Ceramica. Ed è grazie alla produzione ceramica che a Vietri è possibile visitare la fabbrica di ceramiche Solimene, unica opera italiana dell'architetto Paolo Soleri, allievo di Frank Lloyd Wright, considerata uno dei capolavori dell'architettura italiana del XX secolo.

La costa della Penisola Sorrentina

Sorrento

Raggiungibile facilmente in autobus, oltre i vicoli caratteristici e le botteghe artigiane la patria di Torquato Tasso offre, a chi arriva, la possibilità di visitare il Museo "Correale di Terranova" a carattere artistico-archeologico ed il Museo della Tarsia Lignea a carattere artistico.

Piano di Sorrento

Molto vicino a Sorrento ospita all'interno della Villa Fondi il Museo Archeologico "G. Vallet" di recente costituzione.

Vico Equense

Ci si arriva rapidamente con la Circumvesuviana, offre al visitatore le Terme dello Scrajo e la possibilità di visitare l'Antiquarium Silio-Italico ed il Museo Mineralogico Campano.

Castellammare di Stabia

Raggiungibile con la Circumvesuviana la città di Castellammare di Stabia offre molti motivi di visita. Si va, infatti dagli scavi della Villa di Stabia e all'Antiquarium Stabiano alle cure termali ricche di ben 28 sorgenti.

Pompei

Il più conosciuto sito archeologico forse del mondo Pompei dà a chi la raggiunge la possibilità di visitare una città romana per intero, così come è riemersa da sotto la lava dell'eruzione del Vesuvio del 76 d.C..
Oltre all'importanza archeologica Pompei è forse ancora più famosa per il "turismo religioso". Conosciutissimo, e visitatissimo, infatti, è il Santuario della Madonna del Rosario.
Inoltre è possibile visitare il Museo del Pontificio Santuario della Madonna del Rosario e il Museo Vesuviano "G. B. Alfano", a carattere specialistico.

Torre Annunziata

L'antica città di Oplonti indicata nella "Tabula Peutingeriana" ospita la cosiddetta Villa di Poppea attribuita a L. Crassius Certius, splendido esempio di edificio residenziale romano, nota per il rinvenimento di ricche oreficerie, imponente e monumentale, presenta spettacolari decorazioni parietali e una ricca suppellettile scultorea costituita da copie romane di originali greci.

Torre del Greco

Come per le più note Pompei ed Ercolano anche Torre del Greco subì la stessa sorte e come per Castellammare ed Oplonti gli scavi archeologici ci hanno restituito i resti di Villa Sora con le sue terme. Ma oltre a questo Torre del Greco è conosciuta anche come città del corallo tuttora lavorato e venduto in loco l'oro rosso, come qualcuno lo ha definito, viene esaltato nella sua bellezza, insieme alle capacità di tutti gli orafi locali che lo hanno lavorato, producendo meravigliosi oggetti, nel Museo del Corallo dell'Istituto Statale d'Arte.

Ercolano ed il Vesuvio

Il sito archeologico di Ercolano, come quello di Pompei, rappresenta uno dei luoghi più conosciuti dell'archeologia italiana di enorme rilevanza per la conoscenza dei modi di vita dei romani, il fatto che a differenza di Pompei Ercolano non andò bruciata, ma venne sepolta da una nube ardente. Il materiale fluido, che si depositò, penetrò però lentamente all'interno degli edifici coprendo, senza modificarne la posizione, mobili ed oggetti. Questa è una delle ragioni per cui ad Ercolano sono stati rinvenuti così tanti reperti ben conservati. L'effetto di questa massa ardente fu la carbonizzazione di abiti, fogli di papiro e legno, senza però distruggerli, cosicché ancora oggi si possono osservare travi, mobili, scale, e tralicci e avere un'idea delle usanze del tempo. Ovviamente ad Ercolano è possibile anche visitare l'Antiquarium. Ma la notorietà degli scavi non deve far dimenticare che da Ercolano è possibile raggiungere il cono del Vesuvio tramite un percorso all'interno del Parco Nazionale del Vesuvio e visitare il Museo Vulcanologico dell'Osservatorio Vesuviano.

Portici

Carlo III di Borbone decise nel 1738 di costruirvi la propria residenza estiva. Attorno al Palazzo Reale l'aristocrazia napoletana fece edificare le proprie residenze dando vita al fenomeno architettonico noto come "Ville Vesuviane del Miglio d'Oro". Oltre al Palazzo Reale e le ville del Miglio d'Oro, a Portici è possibile visitare uno degli Orti Botanici più importanti d'Italia, con il suo Museo intitolato ad Orazio Comes, nonché le Collezioni dell'Istituto di Entomologia e Zoologia Agraria. Ma a Portici è anche possibile visitare il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa che ci ricorda che il tratto ferroviario Napoli-Portici, inaugurato nel 1839, fu la prima ferrovia Italiana.

Capri

Famosissima come luogo tuistico, Capri è facilmente raggiungibile via mare direttamente da Positano. Oltre alle bellezze naturalistiche (grotta Azzurra) ed agli stupendi panorami, a Capri è possibile visitare Villa Jovis, i Giardini di Augusto e Villa S. Michele col suo Museo "Axel Munthe" a carattere archeologico ed il Museo "Diefenbach" a carattere artistico ed il Museo "I. Cerio" a carattere demoetnoantropologico.

Ischia

L'isola di Ischia è famosissima per le sue stazioni Termali, sparse nei vari comuni dell'isola, ma oltre alle cure termali ed ai bagni di mare sull'isola di Ischia e possibile anche visitare il Museo Civico a carattere storico e l'Osservatorio Geofisico che si trovano nel Comune di Casamicciola, ma ci sono anche il Museo del Mare ed il Museo delle Armi, Armature e Strumenti di Tortura entrambe nel comune di Ischia Ponte. Mentre nel Comune di Lacco Ameno ci sono il Museo Archeologico di Pithecusae ed il Museo e gli Scavi Archeologici di Santa Restituta.

 Dimensione Servizi di Ercolino Luigi - P.Iva 0334570653 - Web Master Marco D'Apice - Luigi Ercolino 
 Tutti i contenuti sono protetti da Copyright e di appartenenza esclusiva di Positano-Online